Marzo, 2018

15mar21:15Canoe di popolazioni primitive- StudioM. SINISI/F. SANTORO/A. IANNIELLO

Dettagli Evento

scritto e diretto da Antonio Ianniello
con Michele Sinisi e Federica Santoro
produzione: Gli Scarti, Kronoteatro Albenga, Armunia Festival

Tutto come un’otturazione di ovidotti. Iniziamo così. Balut / calco di gesso degli amanti a Pompei. Il balut è un cibo tipico del Sud- est asiatico: un uovo di anatra o di gallina fecondato e bollito nel suo stesso guscio poco prima della schiusa. Eliminato l’involucro appare un embrione quasi già formato con il becco molle e le ossa non ancora sviluppate. Il calco di gesso degli amanti a Pompei. L’archeologo Giuseppe Fiorelli il 3 febbraio del 1863 ordina agli operai di colare gesso liquido in alcune cavità degli scavi dove sono visibili delle ossa. Il balut ed il calco non c’entrano niente o quasi con quello che succede. Tanto, tranquilli, non succede niente. Un uomo, una donna ed una luce accecante. La donna è tornata da un lungo viaggio, porta con sé un bambino nato da poco. L’uomo non è il padre ma vorrebbe acquisire una certa forma di paternità, vorrebbe incidere un nome. Di tanto in tanto l’uomo e la donna accendono una luce e loro stessi ne restano accecati. Lei ha in mano una grossa busta di plastica con dentro dei pesci morti. Lui bestemmia o prova a farlo. Questo bambino non è suo figlio. L’uomo allora si affida alle parole di suo padre. Solo una voce registrata. La voce del padre indica una strada da percorrere, quella che porta al centro, il centro della città, luogo commerciale ricco di offerte: “Figlio mio non dimenticare di inviarti le cartoline quando vai al centro, che bello il centro, mi piace il centro”. Questo bambino non è suo figlio ma lui continua a stabilire una somiglianza: “il naso è uguale”, ma il naso di un bambino assomiglia solo ad un naso di un bambino.

Orario

(Giovedì) 21:15

Location

Auditorium Dialma Ruggero

Via Claudio Monteverdi, 117, 19122

Biglietteria

prenota biglietti

Torna su
X